AUDREY: UNO STILE UNA RIVOLUZIONE FATTA DI ELEGANZA E SEMPLICITÁ

Pagina Prova ah ICONE MODA AUDREY HEPBURN

AUDREY: UNO STILE UNA RIVOLUZIONE FATTA DI ELEGANZA E SEMPLICITÁ

AUDREY: UNO STILE UNA RIVOLUZIONE FATTA DI ELEGANZA E SEMPLICITÁ

AUDREY: UNO STILE UNA RIVOLUZIONE FATTA DI ELEGANZA E SEMPLICITÁ

8e8e6d8ccaa4e8063cbf3a3eb3c6c3e4--timeless-beauty-classic-beautyL’eleganza è la sola bellezza che non sfiorisce mai – Elegance is the only beauty that never fades.

Credo fermamente che il sorriso sia l’accessorio più bello che una donna possa indossare.

Audrey Hepburn

VENTICINQUE ANNI!

Sono ormai quasi 25 anni da quando Audrey ci ha lasciato. Il tempo però non cancella il suo charme e la sua raffinata eleganza. Tuttora è un’icona di stile per tantissime donne.

belle631

belle631

È la mia musa, la adoro l’amo per meglio dire. Non perdo un suo film in Tv. Cerco sempre di scoprire qualcosa di nuovo su di Lei. Così pochi giorni fa, dalla parrucchiera, mentre aspettavo il mio turno, sfogliando una rivista francese ho trovato quest’articolo.

P.S. Ringrazio Ludo per l’aiuto nella traduzione.

Il suo debutto sul grande schermo…

una rivoluzione per i canoni di bellezza femminile allora in voga. All’epoca, negli anni 50, c’erano le prosperose Marilyn o Sophia Loren, che alimentavano le voglie e accendevano il fuoco. Twiggy non aveva ancora reso di moda l’androginia. Nel 1953, quando Audrey Hepburn esplode in «Vacanze Romane» e vince un Oscar, si propone come un altro modello di donna.

AUDREY: UNO STILE UNA RIVOLUZIONE FATTA DI ELEGANZA E SEMPLICITÁ

AUDREY: UNO STILE UNA RIVOLUZIONE FATTA DI ELEGANZA E SEMPLICITÁ

Audrey, tante passioni oltre al cinema… la cucina il volontariato per esempio. Proviamo a conoscerla meglio, di sicuro non ne resteremo deluse. Anzi forse, la “nostra Cara Amica” ci potrà ancora insegnare e… stupirci.

«Audrey, una cuoca senza pari».

«Da lei ho assaggiato il miglior soufflé al formaggio della mia vita!» La sua più cara amica, Doris Brynner, ex moglie di Yul Brynner, è categorica. Contrariamente a ciò che si racconta, lei adorava mangiare.» Una cosa impensabile vista la sua silhouette filiforme!

Un metro e settanta appena, una cinquantina di chili:

AUDREY: UNO STILE UNA RIVOLUZIONE FATTA DI ELEGANZA E SEMPLICITÁ

AUDREY: UNO STILE UNA RIVOLUZIONE FATTA DI ELEGANZA E SEMPLICITÁ

un manichino di plastica con un portamento da ballerina. «Del tutto diversa dallo stile di donna un po’ rotonda che era preferito tra le mie clienti», osservava Hubert de Givenchy. Audrey suona alla porta del suo studio di giovane stilista, nel 1953, con la sua costumista Gladys. Lui si aspetta di incontrare Katherine Hepburn! «Non la conoscevo. Ho scoperto una giovane ragazza in pantaloni Marilyn, ballerine e cappello da gondoliere griffato “Venezia”!»

Una vivace turista americana per niente cosciente della sua…

rusticità! Superato lo shock stilistico, il giovane aristocratico, le mostra i suoi modelli spiegandole: «Mi spiace ma non possiamo lavorare per voi! La mia casa è troppo modesta perché confezioni quindici abiti per “Sabrina”. Ho soltanto pochi operai». Audrey però impazzisce per i modelli, s’infila negli abiti che le cadono alla perfezione. Furba e con malizia tutta femminile l’attrice insiste: Lui alla fine capitola: «Bene, vi voglio prestare degli abiti della collezione e m’impegnerò per realizzare gli altri, con degli extra… »

Così è nata un’amicizia; anzi, un amore di quarant’anni.

AUDREY: UNO STILE UNA RIVOLUZIONE FATTA DI ELEGANZA E SEMPLICITÁ

AUDREY: UNO STILE UNA RIVOLUZIONE FATTA DI ELEGANZA E SEMPLICITÁ

«Una storia d’amore platonico», riassume così Hubert de Givenchy che ha due anni più di lei. Il tappeto rosso e le serate di gala hanno visto spesso sfilare questa coppia così chic. Un grande amante che sceglieva meglio i vestiti degli uomini della sua vita. Due volte Audrey è stata sposata: per quattordici anni con l’attore produttore americano Mel Ferrer e in seguito con lo psicologo italiano Andrea Dotti. Non si può dire che questi uomini le abbiano dato la serenità, superati i primi entusiasmi. Dorys Brinner non esitava a dire: «Mel era sinistro e Dotti un donnaiolo.» Luca Dotti, suo figlio più piccolo, nato nel 1970, recentemente ha dichiarato: «Bisognava convincersi, in quegli anni, di essere “il marito di”». Perché la stella era lei. Bisogna ammetterlo.

Ma in quel periodo l’ego maschile frustrato non aveva alcun limite.

«Mel la criticava violentemente per la sua “bruttezza”. Lei che già non si sentiva particolarmente bella… È stato malvagio». Gregory Peck, li aveva fatti conoscere durante le riprese di “Vacanze Romane”. Mel, dodici anni più di lei, già divorziato due volte, con quattro figli. Fu “amore a prima vista”, un colpo di fulmine! Proprio dopo le riprese di “Sabrina”,

AUDREY: UNO STILE UNA RIVOLUZIONE FATTA DI ELEGANZA E SEMPLICITÁ

AUDREY: UNO STILE UNA RIVOLUZIONE FATTA DI ELEGANZA E SEMPLICITÁ

Mel le propone di girare con lui “Ondine” a Broadway. Audrey vince il Tony Award. La bellezza, il sorriso, lo stile inedito di Audrey riescono, a 25 anni, a conquistare tutte le redazioni. Si amano e vogliono sposarsi in Svizzera. Qualche mese più tardi, però Audrey, ha un aborto spontaneo e cade in preda alla disperazione. «Da quando sono piccola, ho sempre desiderato di avere dei bambini», confidava spesso. Si diceva anche che durante le riprese di “Sabrina”, prima di Mel, non aveva ceduto alle avances di William Holden, perché lui -già sposato con due figli- aveva subìto un intervento di vasectomia.

Lei prosegue con le riprese dei film, recita con Peter Finch

AUDREY: UNO STILE UNA RIVOLUZIONE FATTA DI ELEGANZA E SEMPLICITÁ

AUDREY: UNO STILE UNA RIVOLUZIONE FATTA DI ELEGANZA E SEMPLICITÁ

e Burt Lancaster. Un incidente cadendo da cavallo le provoca un nuovo aborto. Nel 1960 dà alla luce Sean Ferrer. Combatte così tra il suo istinto materno, le esigenze di Mel che la vuole a lavorare su proprie produzioni e invitanti proposte hollywoodiane. Diventa un’eccellente attrice capace di impersonare chiunque, non per niente limitata a personaggi ingenui. In “La rumeur”, di William Wyler, si rivolge alla questione del lesbismo con notevole delicatezza. Ma è una commedia romantica, “Diamants sur canapé”, di Blake Edwards, nel 1961, che le vale un nuovo trionfo e ripetute sofferenze con Mel, man mano sempre più insopportabili. Hubert Givenchy dice: «Lei ha sempre fatto di tutto per coinvolgerlo nei suoi casting, ha sempre cercato di valorizzarlo. Ma io l’ho vista sul set delle riprese, i suoi occhi da cerbiatta hanno visto suo marito flirtare con le comparse. Era molto difficile per lei, in quel contesto, garantire le sue scene. Eppure non si lamentava mai».

Dato che non era masochista, finì per arrendersi all’evidenza,

nel 1966, racconta Givenchy «Un giorno m’invitò nella sua casa di Tolochenaz, in Svizzera». «sembrava distrutta» Quando lui la raggiunge, semplicemente gli dice «Con Mel è finita». Hubert cerca di farla ragionare: «hai un figlio»…´Peccato. Non posso continuare a soffrire, sono troppo infelice. Fragilità e spirito combattivo: “quando prendeva una decisione, era irrevocabile”, lo stilista ha notato spesso in Audrey questo contrasto.
Fortunatamente, ci sono state altre occasioni. Nel 1967 in “voyage a deux”di Stanley Donen, la storia del crollo di un matrimonio di dodici anni, recita con Albert Finney. Senza ricadere in una storia seria assaggia il fascino dell’attrazione reciproca. Di una decina d’anni più giovane, questo brillante attore inglese finirà per diventare il marito di un’altra magnetica bruna, Anouk Aimèe, dal 1970 al 1978.

Audrey si trova così a condividere le sue sventure con Doris Brynner,

AUDREY: UNO STILE UNA RIVOLUZIONE FATTA DI ELEGANZA E SEMPLICITÁ

AUDREY: UNO STILE UNA RIVOLUZIONE FATTA DI ELEGANZA E SEMPLICITÁ

che subisce lo stesso tormentato destino. “ci si confortava a vicenda. Io abitavo in Lully, non lontano da Tolochenaz. Una sera andavo a dormire da lei, un’altra veniva lei da me”.
Arriva l’estate 1967: fatte da parte le abilità di suo figlio a scuola e le rose bianche che lei coltiva con talento, Audrey non si appassiona più a niente. A giugno di quell’anno, controvoglia accetta una crociera sul mare Egeo sullo yatch di un amico. A bordo, un bell’italiano è ammaliato dalla deliziosa attrice. Hubert de Givenchy capisce molto rapidamente cosa sta succedendo: “Lui era talmente affascinate…lei ha ceduto”.
Si chiama Andrea Dotti, è psicologo e adora le donne. Fino al divorzio di Audrey, a Dicembre, la loro storia resta in parte segreta. Il 18 gennaio 1969 si sposano e la signora si trasferisce a Roma decretando la fine della propria carriera.

AUDREY: UNO STILE UNA RIVOLUZIONE FATTA DI ELEGANZA E SEMPLICITÁ

Fine Prima parte

Ringrazio ancora Ludo per l’aiuto nella traduzione

Baci Tesoro e grazie ancora

Pagina Prova ahPOST ICONE MODA AUDREY HEPBURN

RivistaVanityStylebellepdf16-2 copia

HOME PAGE VANITY

http://issuu.com/vanitystyle (per vedere copiare ed incollare)

https://www.facebook.com/vanitystyleB

 

 

AUDREY: UNO STILE UNA RIVOLUZIONE FATTA DI ELEGANZA E SEMPLICITÁultima modifica: 2017-09-06T15:56:31+00:00da belle631
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento